Utenti connessi 





TORNA SU














TORNA SU













TORNA SU













TORNA SU













TORNA SU













TORNA SU













TORNA SU













TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU














TORNA SU






 
 

Le Barzellette di Aprile 2001

1

-------------

2

Un contadino è nella stalla a mungere la mucca.
Quando il secchio è già mezzo pieno, la mucca con una zampata lo rovescia.
Il contadino non si scompone, prende un pezzo di corda, sale su uno sgabello e lega la zampa posteriore della mucca ad un trave del soffitto della stalla.
Con calma ricomincia a mungere.
Riarrivato a metà secchio, paff!, un colpo con l' altra zampa ed il secchio si rovescia di nuovo.
Il contadino prende un altro pezzo di corda, risale sullo sgabello e lega l' altra zampa posteriore ad una trave del soffitto.
Con la solita calma ricomincia a mungere.
Metà secchio e puntualmente, paff!, una codata ed il secchio è di nuovo vuoto.
Sempre senza scomporsi cerca un pezzo di corda, non ne trova, allora sale sullo sgabello e con una mano alza al soffitto la coda della mucca, con l' altra si sfila la cintura dei calzoni per legare la coda.
Nel fare questo i calzoni gli cadono alle caviglie.
Nel medesimo istante si apre la porta della stalla ed entra sua moglie che inorridita gli chiede: "Ma cosa stai facendo?" 
Il contadino, sempre calmissimo, guarda la moglie, guarda la mucca, si guarda i calzoni e risponde:" Beh, trombo la mucca, tanto se ti dico che volevo mungerla non mi credi!!!".

Gentilmente concessa da Ridigratis.com

3

Una piccola vecchia signora un giorno andò alla Banca del Canada portando con sé una borsa piena di denaro.
Insistette che doveva parlare con il presidente della banca per aprire un conto perché "E' un sacco di denaro!".
Dopo un po' di ripensamenti, gli impiegati la portarono nell'ufficio presidente (il cliente ha sempre ragione!).
Il presidente della banca le chiese quindi quanto voleva versare e lei disse "165.000 dollari" e buttò la borsa sulla sua scrivania.
Il presidente fu, chiaramente, curioso di sapere come aveva fatto ad ottenere tutto quel contante, così glielo chiese: Signora, sono sorpreso di vedere che Lei si porta appresso tutto questo contante.
Come ha fatto ad ottenerlo?".
La vecchia signora rispose: "Ho fatto delle scommesse".
Il presidente le chiese ancora: "Scommesse? Che tipo di scommesse?"
La vecchia signora rispose: "Per esempio, scommetto 25.000 dollari che le sue palle sono quadrate"
"Ah!" rise il presidente "E' una scommessa stupida. Lei non potrà mai vincere una scommessa di questo genere!"
La vecchia signora lo sfidò: "Allora, accetta la mia scommessa?"
"Certo" disse il presidente "Scommetto 25.000 dollari che le mie palle non sono quadrate!" 
Allora la vecchia signora disse: "Dato che si tratta di un mucchio di denaro, posso portare con me il mio avvocato domattina alle 10 come testimone?"
"Certo!" disse il fiducioso presidente.
Quella notte, il presidente era veramente nervoso a causa della scommessa e passò un sacco di tempo davanti allo specchio a controllare le sue palle, girandosi a destra e a sinistra continuamente. Le controllò con attenzione finché non fu sicuro che non era assolutamente possibile che le sue palle fossero quadrate e che avrebbe vinto la scommessa.
Il mattino dopo alle 10 precise, la vecchia signora fece la sua comparsa con il suo avvocato nell'ufficio del presidente.
Presentò l'avvocato al presidente e ripeté la scommessa: 25.000 dollari che le palle del presidente sono quadrate!"
Il presidente accettò di nuovo la scommessa e la vecchia signora gli chiese di abbassare i pantaloni, così tutti avrebbero potuto vedere.
Il presidente accettò. La vecchia signora scrutò attentamente le palle e poi gli chiese se poteva toccarle. "Va bene, in fondo 25.000 dollari sono un sacco di soldi, quindi credo che Lei debba essere assolutamente sicura." In quel momento, egli notò che l'avvocato stava silenziosamente sbattendo la testa contro il muro.
Il presidente chiese alla signora: "Che diavolo ha il suo avvocato?"
Ella disse: "Niente, a parte il fatto che ho scommesso con lui 100.000 dollari che alle 10 di stamattina avrei avuto nelle mie mani le palle del Presidente della Banca del Canada".

Suggerita da Beatrice L.

4

- Un giornalista si reca in un paesino noto per la longevità di alcuni suoi abitanti, per intervistare uno di questi ultracentenari. Passeggiando per le vie del paese, il giornalista vede un vecchietto che sta piangendo e gli chiede: "Mi dica buon uomo, quanti anni ha ?"
"105 anni".
"E perche' sta piangendo?".
"Mi ha picchiato il babbo!".
E il giornalista stupitissimo: "E perchè suo padre l'ha picchiata?".
"Perchè stavo facendo i dispetti al nonno!".
Suggerita da Alessio Di Pace

5

Un siciliano, si mette in marcia, con la sua fiat 850 sport, in direzione Germania, per trovare lavoro.
Giunto sulle Alpi, ad un' altitudine di 2000 m., pianta una frenata pazzesca davanti ad un segnale stradale a suo parere un po' insolito, e legge: <<Qui comincia la neve perenne>> e riflettendo tra se e se replica:<< Ma che minchia de cattello é questo, pure in Sicilia la neve comincia per ENNE!!!

Suggerita da Giacomina Alessi

6

Un cacciatore spara, ma manca l'uccello che vola via.
Spara di nuovo ad una lepre, ma anche questa scappa.
Allora dice: "Quando fanno così li ammazzerei!" 
Gentilmente concessa da Ridigratis.com

7

-------------

8

-------------

9

Una vecchietta molto miope va dal medico di base: <<Dottore, glielo dico sinceramente: ormai non vedo più un cazzo!>>
<<Beh, signora, alla sua età è più che normale...>> ironizza il medico. <<Normale? Ma se la mia amica Gina, che ha anche lei ottant'anni, ha tutte le diottrie!>>
<<Ah, signora, lei parlava della vista...>>
Suggerita da Angela Grillo

10

7:30 di mattina, appena alzati
- Mamma ... oggi non ho proprio voglia di andare a scuola...
Tutti mi insultano, mi prendono in giro, mi dicono le parolacce...
- Su, su, lo sai che devi andarci: primo perche' ci vanno tutti, secondo perchè sei il PRESIDE!

Gentilmente concessa da Ridigratis.com

11

Un ingegnere, un fisico ed un matematico sono rinchiusi ognuno in una stanza con una scorta di scatolette di cibo, ma senza un apriscatole.
Dopo un mese le porte delle tre stanze vengono aperte.
L'ingegnere è bello paffuto e tutte le scatolette sono state aperte. Alla richiesta di come abbia fatto, risponde che ha usato la fibbia della cintura come apriscatole.
Anche il fisico se l'è cavata, circa la metà delle scatolette è stata aperta. La sua risposta alle domande dei ricercatori è un lungo panegirico a base di "applicando il vettore forza a..." "considerando l'energia potenziale del contenuto della scatoletta..." Comunque in realtà le scatolette sono state aperte a furia di botte sul muro.
Infine è aperta la porta del matematico: questi è paurosamente magro e denutrito, tutte le scatolette sono chiuse. Il poveraccio ne tiene una nella mano rinsecchita a pochi centimetri dal viso, la fissa con occhi spiritati e mormora: "supponendo, per assurdo, che sia aperta..."
Suggerita da Flavia Ceccarelli

12

Due carabinieri in servizio di guardia di notte all'aperto.
"Guarda" dice uno indicando le stelle"l'Orso Maggiore" e l'altro lo corregge "l'Orsa Maggiore", il primo pieno di ammirazione sempre guardando il cielo gli risponde "Ammazza che vista che hai!!!"
Suggerita da Alessandra

13

Ai tempi dell'antica Roma, capitavano spesso dei casi di morte apparente.
Per questo motivo un certo Esposito Gennaro, mordeva l'alluce del presunto morto.
Se il morto gridava era un caso di morte apparente, altrimenti si trattava di un morto vero.
Fu così che nacque la parola: Beccamorto!
Gennaro andò avanti così per anni, e diventò sempre più ricco.
Un giorno, però, gli portarono il corpo di un uomo che non aveva ne braccia ne gambe.
Fu così che nacque una nuova parola: Pompe funebri!
Suggerita da Lorenzo Pallottino

14

-------------

15

-------------

16

<<Cameriere, questo pollo ha una gamba sola!>>
<<Forse lei l'ha ordinata per un ballo?>>
Suggerita da Melania Rocco

17

Un francese, un tedesco ed un italiano sono su un aereo e si sfidano a dimostrare chi tra loro è più coraggioso.
Inizia il francese:"Hostess! Un coltello!" Sacrifico un dito per la mia patria!.
Allora il tedesco:"Noi teteschi ziamo più coracciosi! Hostess! Un'ascia! Sacrifico una manoper la mia patria!.
E' il turno dell'italiano, che dice:"Vi dimostro che sono io il più coraggioso di tutti! Hostess, una sega!"
Suggerita da Ottaviano

18

Il dottore al paziente: 
"Ho una cattiva notizia per lei: ha una malattia terribile...".
"E si puo' guarire?".
"Temo di no".
"Che debbo fare?".
"Provi con i bagni di fango".
"E posso guarire?".
"No, ma si abituera' alla terra...!"
Suggerita da Nicolò

19

Il pediatra di famiglia si presenta di primo mattino per visitare il bambino
Entrato nella camera da letto dei genitori esclama:
- Ma ... perche' avete messo la culla del bambino sopra l'armadio?
- Niente ... solo per sentirlo se dovesse cadere durante la notte!!
Gentilmente concessa da Ridigratis.com

20

Tra prostitute
<<Anna, ero proprio stufa di fare la prostituta e prendere cinquantamila a cliente.>>
<<E allora cos'hai fatto?>>
<<Mi sono rivolta a un bravo psicanalista che mi ha guarita completamente.>>
<<Hai smesso di fare la prostituta?>>
<<No. Mi ha dato il coraggio di chiedere almeno centomila a cliente.>>

Suggerita da Patrizia Sfregola

21

-------------

22

-------------

23

- Papà mi compri il dizionario per andare a scuola?
- NO, non voglio che tu cresca viziato. A scuola ci devi andare come ci andavo io. A piedi ... CAPITO?!?!?
Gentilmente concessa da Ridigratis.com

24

Un tale si risveglia dal coma dopo che i suoi familiari, per un certo tempo, gli hanno fatto ascoltare della musica attraverso le cuffiette radiofoniche.
Appena si è ripreso, i parenti gli chiedono notizie dell'Aldilà: <<Hai visto qualcosa?>>
<<Una specie di tunnel...>>
<<E in fondo cosa c'era?>>
<<Una luce...>> <<Il paradiso?>>
<<No: un night-club, credo.>>
Suggerita da Carmine Salvatore

25

Giulietta Capuleti, al balcone mentre aspetta il suo Romeo, sente un fruscio: <<O Romeo, Romeo, sei tu il mio Romeo?>>
Da sotto una voce: <<No, non sono Romeo, io sono Franco ...>>
Giulietta, subito resta un po' spiazzata, ma poi: <<Beh, dai Franco, vieni su: Shakespeare sta dormendo.>>
Suggerita da Teresa Di Mango

26

In un paesino del Veneto si vocifera che il giovane prete vada con le donne.
Un bel giorno, la perpetua Rinalda rimane clamorosamente incinta.
Inevitabilmente, l'accusato numero uno è proprio il malfamato sacerdote.
Stufo di tutte queste illazioni, approfitta dell'omelia domenicale per giustificarsi: <<In questo paese, invece di pregare, si perde tempo ad accusare il sottoscritto. Beh, qui lo dico e lo confermo, io alla signora Rinalda non ho sfiorato nemmeno un pelo!>>
<<Ostia!>> lo interrompe un vecchietto in fondo alla chiesa. <<Complimenti per la mira!>>
Suggerita Giuseppina Franco

27

All'esame di anatomia
-Mi dica, signorina, qual'è l'organo che può aumentare di trenta volte?
La ragazza esita un po', e poi:
-il pene...
-No, signorina, è la pupilla......
Comunque, ehm, ehm, complimenti al suo ragazzo......
Gentilmente concessa da Ridigratis.com

28

-------------

29

-------------

30

Separazione
<<Voglio il divorzio!>> dice un tale al suo avvocato.
<<Per quale motivo?>> gli chiede il legale.
<<Mia moglie mi ha dato dell'imbecille!>>
<<Mi sembra un motivo un po' fiacchino, - risponde l'avvocato - comunque, mi dica esattamente come sono andate le cose.>>
<<L'altro giorno, sono tornato a casa prima del solito e l'ho trovata a letto con un tipo. Le ho urlato: che cosa stai facendo, Elvira?! E lei mi ha risposto: ma non lo vedi imbecille!>>
Suggerita da Eleonora Greco